Chirurgia Estetica Labbra napoli

Labbra

  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra
  • Labbra

Da quando sono state realizzate le prime lipoaspirazioni, i chirurghi plastici hanno avuto l’idea di riutilizzare il grasso così estratto per re-iniettarlo in un’altra parte del corpo che necessita al contrario di essere riempita.

Tale tecnica che prevede l’iniezione di grasso proprio (autologo), chiamata lipofilling, per molto tempo si è rivelata deludente: gran parte del grasso iniettato tendeva a riassorbirsi, rendendo i risultati incerti ed effimeri.

I chirurghi plastici non si sono arresi davanti a tali fallimenti, ma hanno tentato di comprenderne le ragioni. A poco a poco, i risultati sono migliorati, ma è soprattutto a partire dal 1995, che l’infiltrazione di grasso proprio è diventato un metodo realmente affidabile.

Il principio consiste nel realizzare un vero e proprio trapianto di cellule adipose attraverso la re-iniezione del grasso prelevato dal paziente stesso.

Il lipofilling può essere eseguito per correggere un gran numero di depressioni naturali o post- traumatiche. Gli obiettivi e le indicazioni di questo tipo di intervento sono di due tipologie:

Indicazioni di ordine estetico:

  • Riempimento e attenuazione di certe rughe sul viso
  • Ripristino della pienezza di un viso smagrito o ai primi stadi di invecchiamento
  • Riassetto dei volumi e delle forme del viso: trattasi in particolare del riempimento di un viso emaciato dall’invecchiamento
  • Come gesto complementare associato a taluni lifting cervico-facciali per migliorare l’armonia del viso
  • Successivamente ad un primo lifting, al fine di migliorare il profilo del terzo medio di faccia, evitando di ricorrere ad un secondo lifting.
  • Ridefinire il profilo di alcuni settori della silhouette (glutei, fianchi, gambe, etc..)

Indicazioni in chirurgia riparatrice e ricostruttiva:

  • Riempimento di una depressione tessutale congenita (sindrome di Romberg, sindrome di Poland, etc..)
  • Riempimento di una depressione tessutale conseguente un trauma
  • Correzione delle irregolarità derivanti da una lipoaspirazione (ritocchi)
  • Correzione delle lipo-atrofie facciali conseguenti la tri-terapia nei pazienti HIV+.

Il lipofilling è un intervento chirurgico, pertanto deve essere realizzato da un chirurgo plastico competente e qualificato, formato specificamente in tale tecnica e che eserciti in strutture sanitarie a norma di Legge e che soddisfino tutti i requisiti impiantistici e strutturali richiesti in merito alla sicurezza ed alla qualità necessari allo svolgimento di attività chirurgiche.

Prima dell’intervento viene praticato uno studio minuzioso, clinico e fotografico, delle correzioni da apportare.
Nel lipofilling praticato per il ringiovanimento facciale, è necessario prendere visione di fotografie di gioventù del paziente, compararle allo stato attuale, al fine di meglio comprendere la tipologia d’invecchiamento e addivenire ad una corretta scelta chirurgico-correttiva.

Viene realizzato un bilancio pre-operatorio conformemente alle prescrizioni.
Il Lipofilling è realizzato sempre ambulatorialmente e di norma in anestesia locale associata alla somministrazione di una sedazione al fine di sopprimere l’ansia legata al tempo dell’intervento; l’ammissione e la dimissione si effettuano lo stesso giorno.

Ciascun chirurgo adotta una tecnica che più gli è congeniale e che egli adatta a ciascun caso al fine di ottenere il risultato migliore. Ciononostante si possono ritenere dei principi di base comuni: Si comincia definendo con precisione le zone di prelievo del grasso così come i siti di riempimento.

Il prelievo del grasso si effettua in modo non traumatico attraverso una piccola incisione nascosta nelle pieghe naturali e con l’aiuto di una cannula di aspirazione molto sottile (1-2mm di calibro).
Il grasso, così ottenuto, viene filtrato al fine di eliminare le componenti acquosa (anestetico locale, sangue, etc..) ed oleosa che non devono essere impiantate; soltanto la porzione solida (grasso puro) viene innestata.
Si procede poi ad iniettare le micro-particelle di grasso in differenti piani ed in direzioni multiple e divergenti, al fine di aumentare la superficie di contatto tra le cellule impiantate e i tessuti riceventi, in modo da assicurare la sopravvivenza delle cellule adipose impiantate.

Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

Medicina Estetica
Medicina Estetica

La medicina estetica è una branca della medicina che si occupa di tutte quelle cure ed i trattamenti medici che concernono l'estetica dell'individuo.

Chirurgia Plastica
Chirurgia Plastica

In Italia la specializzazione in Chirurgia Plastica viene conseguita dopo un periodo di formazione di 5 anni presso una Scuola Specialistica Universitaria.

Chirurgia Estetica
Chirurgia Estetica

La Chirurgia Estetica o "chirurgia dell'apparenza" trae le proprie origini dalla Chirurgia Plastica utilizzandone le medesime procedure operative.

Richiedi una consulenza o prenota una visita

Prenota ora